Home>Skinmag>Gestire la dermatite atopica: partiamo dall’emolliente

Gestire la dermatite atopica: partiamo dall’emolliente

La barriera nella dermatite atopica

La dermatite atopica è la malattia infiammatoria cutanea ad andamento cronico-recidivante più frequente in età pediatrica.
Si tratta di una patologia che può essere causata da diversi fattori genetici, immunologici, esterni e ambientali.

Recentemente la ricerca scientifica ha posto l’accento sulla relazione tra la dermatite atopica e le alterazioni della barriera cutanea nella sua struttura chimico fisica. Scopri tutto sulla barriera cutanea leggendo l’approfondimento dedicato.
Lo stato della barriera epidermica è infatti determinante per lo sviluppo e il decorso della dermatite atopica. Per questo è fondamentale ripristinarla, fornendole un apporto lipidico mirato ed evitando ogni fattore che potrebbe aggravarla.

Emollienti e dermatite atopica

Nel trattamento della dermatite atopica, la terapia emolliente ha un ruolo chiave per ripristinare la barriera epidermica danneggiata.
Non a caso, negli ultimi anni le case farmaceutiche stanno aumentando in modo esponenziale i loro investimenti in questa direzione.
Si sta affermando quindi la “Barrier Repair Therapy”: un nuovo approccio al miglioramento della barriera cutanea nei casi di dermatite atopica, e non solo.
Non tutti i prodotti emollienti sono però indicati a questo scopo.
Gli emollienti in grado di garantire questa azione rivoluzionaria sono caratterizzati da formulazioni “attive” contenenti lipidi fisiologici come le ceramidi, il colesterolo e gli acidi grassi.
Questa tipologia di formule è in grado non solo di aumentare l’idratazione ma soprattutto di intervenire attivamente nella riparazione del difetto di barriera.

Il profilo dell’emolliente ideale

Ecco le caratteristiche che dovrebbe avere l’emolliente ideale per affiancare il trattamento della dermatite atopica:

  • Reintegra e ripristina i lipidi cutanei
  • Reidrata e protegge la cute
  • È facile da applicare e non è troppo untuoso, non macchia i tessuti
  • Non ha un odore sgradevole
  • Non è irritante o allergizzante
  • È senza conservanti o contiene esclusivamente conservanti non irritanti/allergizzanti
  • Non contiene profumi o allergeni da profumo

Oltre a queste caratteristiche, suggeriamo di preferire formulazioni più semplici possibili, con pochi ingredienti.

Argomenti trattati in questi articoli:
acidi grassi polinsaturi
barriera cutanea
ceramidi
colesterolo
Dermatite Atopica
emollienti
idratazione
lipidi cutanei
Bibliografia:
  1. Epidermal Permeability Barrier Defects and Barrier Repair Therapy in Atopic Dermatitis Allergy Asthma Immunol Res. 2014 July;6(4): 276-287
  2. Complex pathophysiology of atopic dermatitis including barrier and immune abnormalities, J Allergy Clin Immunol 2010;125:16–29
  3. Use of emollients in atopic dermatitis JEADV 2015, 29, 854-857 J.P.X. Ng, H.M. Liew, S.B. Ang
Share
RIPARATORE DI BARRIERA
DOMANDE FREQUENTI